Truccarsi per me è una forma d’arte e un modo per esprimere la propria personalità e il proprio carattere.

Pensateci: quando siete giù di tono potete scegliere di truccarvi poco e niente oppure di tirarvi su di morale con un bel rossetto colorato, e questo piccolo gesto racconta qualcosa del vostro atteggiamento verso la vita.

Mi piace osservare le altre donne, il loro modo di essere a proprio agio con un bel trucco curato e mi piace anche fare complimenti sinceri. Ho un’amica che come me ama truccarsi e lo fa sempre con cura e amore per se stessa; il risultato è sempre impeccabile nella sua semplicità e guardarla fa venire voglia di prendere esempio da lei e dal suo modo di volersi bene.

Proprio perchè considero il trucco un divertimento sono convinta che ognuna di noi debba sperimentare per trovare quello che più le si addice e gli errori ci stanno tutti! Però magari non farne troppi non ci farà odiare le nostre vecchie foto, ecco… Allora ho pensato di mettervi in guardia dagli errori più comuni che si fanno quando ci si trucca. Io li ho fatti TUTTI, nessuno escluso. Per fortuna con l’età si acquisisce anche un po’ di spirito critico!

Eccoli gli errori che tutte abbiamo fatto, almeno una volta

img_20170301_084016-01.jpeg

Fondotinta troppo scuro

Facile dire che il fondotinta deve essere dello stesso colore della pelle! La base perfetta si ottiene però solo quando il fondotinta sparisce sulla pelle e non crea stacchi. Se avete dubbi tra due colori scegliete sempre quello più chiaro e state alla larga da quelli troppo rosati, che stanno bene ad una piccolissima minoranza. Ricordate che il fondotinta non si prova sul polso come tutte facciamo ma sulla mascella, dove si vedrebbe lo stacco con il collo. Con le tonalità neutre e i vari beige più o meno scuri non dovreste sbagliare. Se siete chiare come me andranno bene tutte quelle tonalità che si chiamano ivory, oppure porcelaine e fair. Il sottotono della pelle sarebbe una indicazione utile ma non è sempre facile riuscire a capire qual è… quindi secondo la mia esperienza l’ideale è provare più colori e vedrete che troverete il vostro ideale. Io dopo tanti errori e tante prove ho scoperto che il mio sottotono è neutro e che la mia pelle è chiara ma non diafana, quindi i vari ‘fair neutral’ sono quelli giusti per me. Ma ricordo ancora quando da ragazzina sembravo un fantasma con i miei terribili fondotinta quasi bianchi!

Sbagliare il colore del correttore 

A questo è facile rimediare perchè le regole sono solo due e sono facilissime:

1 il correttore per le imperfezioni deve essere dello stesso colore della pelle (e del fondotinta)

2 il copriocchiaie deve essere leggermente aranciato e mai troppo chiaro

Avete presente quelle foto in cui sotto gli occhi avete degli aloni bianchi? Ecco io di foto così ne ho una collezione e il motivo è che non sapevo che correttore e copriocchiaie fossero due cose diverse. Per illuminare il contorno occhi serve un illuminante, cercare di dare luce usando un correttore chiarissimo non funziona! Il risultato saranno occhiaie ancora più evidenti e aria innaturale, in foto soprattutto

img_20170301_084348-01.jpeg

Non sfumare

Di recente mi è capitato di vedere una bella ragazza con un trucco troppo pesante e dalle linee troppo nette. Aveva dei bei lineamenti ed era anche molto giovane, ma l’insieme di sopracciglia troppo disegnate, riga di eyeliner troppo grafica, blush a chiazze e matita per le labbra troppo evidente la invecchiava e la rendeva volgare. Quindi il segreto è sfumare-sfumare-sfumare! I colori degli ombretti dovrebbero fondersi fra loro senza stacchi, il blush va accompagnato verso le tempie, matite e eyeliner vanno resi più morbidi passandoci un pennellino sottile per sfumare il tratto per un risultato naturale e delicato. A me piace usare tre e anche quattro ombretti e amo che il blush si veda, ma a trucco finito sfumo ancora tutto un’ultima volta. Dopo una certa età è davvero indispensabile ragazze, anche se non mi piace ammettere di essere ormai entrata in quella ‘certa età’

img_20170301_084121-01.jpeg

Esagerare con il mascara

Una volta il mio trucco era fatto praticamente di solo mascara, pochissimo blush e fondotinta leggero. Allora esageravo con il mascara per vedermi più truccata senza dover fare molto e il risultato, ora lo so, non era certo dei più chic. Poi un giorno mi ha truccata un truccatore bravissimo di Diego Dalla Palma… E mi si è aperto un mondo! Avevo solo un leggero accenno di mascara, ma i miei occhi sembravano truccatissimi perchè aveva sfumato bene gli ombretti e mi aveva fatto una leggera righina marrone all’attaccatura delle ciglia. Da allora ho imparato che due passate di mascara sono più che sufficienti e che anche una sola mi basta se uso l’eyeliner nero. Se il trucco è fatto bene, il mascara serve a dare definizione alle ciglia, ma non deve essere il protagonista (a meno che non sia una scelta di stile e allora andrà benissimo). Io sono fortunata perchè le mie ciglia sono scure e folte, ma se siete bionde vedrete come una sola passata di mascara riesca a cambiare radicalmente i vostri occhi!

L’ombretto perlato 

L’ombretto perlato va usato sempre con moderazione e mai mai mai su tutta la palpebra fin sotto le sopracciglia! Gli ombretti luminosi e con particelle che riflettono la luce sono i miei preferiti, ma li uso senza esagerare: nell’angolo interno per illuminare, al centro della palpebra per aprire lo sguardo e anche su tutta la palpebra, molto spesso. Ma non fate l’errore di metterli anche fuori dalla palpebra mobile fino alle sopracciglia perchè l’effetto è davvero brutto, invecchia, fa molto anni ’80 e appiattisce lo sguardo

img_20170301_084815-01.jpeg

La riga di eyeliner

Troppo spessa, troppo lontana dall’attaccatura delle ciglia, troppo corta o troppo lunga… La riga di eyeliner o di matita è un problema per molte di noi. Ma è anche uno dei trucchi che usiamo più spesso, quindi meglio imparare a farla come si deve no? Senza bisogno di sperimentare linee perfette e difficili da realizzare (la famosa codina che viene bene una volta su 10!) io mi limito ad una riga davvero sottile di eyeliner nero che faccio andare leggermente all’insù per pochi millimetri. Va fatta restando il più possibile vicino all’attaccatura delle ciglia e il tratto deve essere sottilissimo verso l’angolo interno e leggermente più spesso man mano che si va verso l’angolo esterno. Se è fatta in modo preciso le ciglia sembrano anche più folte!

Dimenticare le sopracciglia

Sono colpevole di anni di uso selvaggio della pinzetta e le mie sopracciglia ne hanno viste di tutti i colori. Poi ho fatto il tatuaggio semipermanente e ho visto come l’espressione degli occhi e l’armonia del viso possono cambiare quando le sopracciglia sono in ordine. Fatevi aiutare da una professionista perchè ne vale davvero la pena. Quando le sopracciglia sono a posto vi basterà il minimo sforzo perchè tutto il viso sia più bello. Non esagerate con la pinzetta e non lasciatele troppo al naturale: lo sguardo ha bisogno di essere incorniciato nel modo giusto! Vi serviranno poi una buona matita per coprire eventuali buchi e dare forma al vostro disegno naturale e un illuminante da mettere lungo la parte esterna per ottenere un effetto lifting istantaneo

img_20170301_084208-01.jpeg

Abusare della terra abbronzante

Se c’è un cosmetico da usare con moderazione è proprio la terra abbronzante. Io la uso pochissimo e solo quando sono già un po’ abbronzata perchè su una pelle chiara come la mia qualsiasi terra è sempre troppo scura e innaturale. Ma sulla pelle abbronzata mi piace molto e mi piace che sia brillante per dare tridimensionalità ai lineamenti che con l’abbronzatura si appiattiscono un po’. La terra si dovrebbe applicare dove ci si abbronza naturalmente, quindi dorso del naso, fronte e mento. Ma sempre con mano leggera e scegliendo un colore naturale e credibile! Altrimenti il rischio di sembrare un Umpa Lumpa è dietro l’angolo…

Io, ve l’ho detto, sono colpevole di ognuno di questi errori…

Per fortuna ho guardato abbastanza tutorial su YouTube per rendermi conto che stavo sbagliando e per imparare a rimediare! E voi? Vi va di raccontarmi i vostri peggiori passi falsi?

Share the love!
  •  
  •  
  • 1
  •  
  •  
  •  
  •  
  • 1
  •  
  •  
  •  
  •  
    2
    Shares