Quello che leggerete in questo post potrebbe davvero essere di una banalità imbarazzante, però ci tengo a condividere con voi i miei pensieri perchè credo che sarà utile a più di una.
Allora, premetto che non sono una a cui piace sprecare tempo e starsene in contemplazione. Però sono anche incline a distrarmi facilmente, a rimandare, a girare intorno agli impegni che non amo… In una parola tendo a cincischiare, rendo l’idea?
E quindi da sempre do il meglio di me quando sono sotto stress, ovvero quando manca poco alla scadenza o rimandare non è davvero più possibile.
È più forte di me e vorrei tanto cambiare… Ma lavoro così bene quando sono costretta a farlo senza distrazioni, che alla fine mi dico che va bene anche così.
Balle! Non mi piace avere sempre il cruccio di non fare in tempo e convivere con l’ansia di fare tutto all’ultimo momento.
Anche perchè in questo modo non mi godo veramente il presente perchè penso a quello che dovrei fare e invece non ho fatto.

Procrastinare per me significa rimandare a chissà quando le cose che non impazzisco dalla voglia di fare per dare la precedenza a cose che non ha senso fare

E a rileggere queste parole mi sento già in colpa.

Ultimamente ho riflettuto un po’ su questa cosa e sono arrivata alla conclusione che ancora una volta il segreto è un po’ di sana autodisciplina, unita però a qualche trucchetto per facilitare le cose.

Ma il vero, banalissimo, segreto è uno solo, almeno per me:

INIZIARE APPENA SVEGLIA

Proprio così, iniziare ad essere attiva e produttiva subito dopo essere scesa dal letto.

Se faccio così allora tutta la giornata prende una piega diversa e alla sera mi stupisco io stessa delle mille cose che sono riuscita a fare.

Se invece mi faccio distrarre e inizio a dire ‘questo lo faccio dopo’ è la fine, perchè quel ‘dopo’ a volte non arriva mai.

il banalissimo segreto per essere sempre produttive

Per cui ho scoperto che più che di organizzazione e mancanza di tempo, nel mio caso si tratta di un atteggiamento sbagliato che mi toglie energie preziose.
Ho poi fatto caso che quando sono giù di morale tendo a perdermi fra mille cose senza finirne nessuna e questo mi mette di cattivo umore, in un circolo vizioso che mi porta ad arrivare a sera profondamente insoddisfatta e con la sensazione di aver sprecato tempo.
In realtà non è così perchè ho comunque passato la giornata senza fermarmi un momento, ma non ho fatto nulla per sentirmi davvero soddisfatta.

C’è una enorme differenza fra essere impegnati ed essere produttivi e non è detto che una persona sempre indaffarata combini più di una che invece lavora concentrata per poche ore al giorno.

Ognuna di noi conosce abbastanza se stessa da sapere quali sono i tranelli in cui casca più facilmente e quali sono le distrazioni che la tengono lontana dall’essere produttiva (e soddisfatta!), se non lo avete ancora fatto pensateci…

Questa lista di consigli dovrebbe aiutarvi ad essere più produttive e concentate:

1 Fare una lista fattibile

E per fattibile intendo che nella lista non ci devono essere troppi punti, troppe incombenze lunghe da portare a termine o troppo impegnative, altrimenti solo a leggerla vi scoraggerete.
Io faccio la mia lista al mattino, mettendo per prime le cose che devo assolutamente fare, poi quelle che vanno fatte entro una certa ora e infine quelle piccole cose che posso fare senza dover pensare o facendo qualcosa che mi piace (per esempio piegare i panni guardando un film).
Prima di iniziare a fare qualsiasi cosa però metto in ordine la casa, rifaccio i letti, sparecchio la tavola dopo la colazione, pulisco dove serve, poi mi lavo, mi vesto e mi do una sistemata.
Poi prego che Margherita sia buona e dorma un po’ altrimenti addio lista ahahaha
2018-10-24 056883117826395595188..jpg

2 Togliere la suoneria al cellulare

Questa è in assoluto la cosa che mi distrae di più. Il cellulare che suona è il peggior nemico di chi tende a divagare. Da rispondere ad un messaggio a passare a controllare le notifiche delle mille applicazioni e finire col passare mezz’ora su Instagram o Pinterest è un attimo. Ed è tempo assolutamente perso in cui non abbiamo fatto nulla di davvero utile e abbiamo innescato il meccanismo del ‘tanto ormai… finisco dopo’.
Mi raccomando, il cellulare va messo in modalità silenziosa, senza vibrazione! Quel vibrare continuo è fastidioso quanto la suoneria!

3 Avere un posto dove concentrarsi e lavorare

Se dovete lavorare al computer da casa sapete che spesso va a finire che il lavoro si incastra fra una faccenda e l’altra è a volte ci si ritrova a farlo usando il cellulare e nei posti più scomodi.
Avere un posto dove sedersi e fare le cose come si deve fa la differenza, eccome se la fa!
Da qualche settimana ho finalmente una scrivania e credetemi se vi dico che è cambiato tutto.
Prima scrivevo quasi sempre dal cellulare, seduta sul divano o la sera tardi nel letto, perchè l’idea di tirare fuori il computer e trovare un posto dove mettermi mi faceva passare la voglia.
Ora il mio computer è sempre lì pronto per essere acceso, ho un angolino ordinato vicino alla finestra e so che quando mi siedo lì è per lavorare, scrivere e fare quello che devo.
Vi sembrerà incredibile ma ora ho più idee, più stimoli e più voglia di fare, creare e mettermi in gioco.
https://www.cgdlondon.com/collections/new-in/products/pink-daily-planner

5 Premiarsi

Dicono che bisogna dedicarsi agli impegni per 20 minuti e fare una pausa di 10.
L’idea non è male, anche perchè in 20 minuti di lavoro concentrato e senza distrazioni si fanno davvero parecchie cose e poi per 10 minuti si può fare pausa, farsi un caffè e andare a controllare finalmente quelle famose notifiche sul cellulare senza sentirsi delle lavative ahahaha.
Tanto per farvi un esempio, questo post era già abbozzato, ma in meno di mezz’ora era pronto e di solito vi assicuro che ci metto molto più tempo!
Certo, dipende da cosa si deve fare ma per quel che mi riguarda in mezz’oretta posso tranquillamente stendere una lavatrice, oppure piegare i panni, pulire i pavimenti o i bagni, lavorare al blog, o rispondere ai commenti su Instagram, fare foto, preparare il pranzo o cucinare un dolce per la colazione, rispondere alle mail…
Poi mi fermo senza sensi di colpa con una tazza di tisana e faccio qualcosa che mi va.

6 Fare subito le cose che pesano di più

Ho imparato da poco a fare subito le cose che non mi piacciono, prima invece me le trascinavo all’infinito finchè non ero con le spalle al muro.
Ecco, diciamo che levarsi subito il pensiero fa sentire più leggere e con la sensazione che il resto della giornata sia tutto in discesa. Facendo così libero la testa dal pensiero di quella telefonata o di quell’impegno, spunto dalla lista e passo oltre più serena.
E qui il premio ci vuole proprio!

7 Darsi scadenze e rispettarle

Bisogna arrivare a sera con tutte le voci della lista spuntate ma se qualche volta non si riesce pazienza, vorrà dire che il giorno dopo metteremo qualche impegno in meno!
A me serve ricordare che la lista non è lì solo perchè a me piace fare liste per qualsiasi cosa, ma è lì per un motivo.
Una agenda piuttosto che un foglietto volante per me è più utile, perchè mi dà l’idea di una routine da rispettare e quindi mi è più facile portare a termine tutti i punti. Ne ho una che mi piace molto: Getting Things Done di Career Girl Daily, che trovate qui. Il nome la dice lunga!
https://www.cgdlondon.com/collections/new-in/products/pink-daily-planner
il banalissimo segreto per essere sempre produttive
Questo ovviamente in una giornata ideale in cui tutto fila liscio… Altrimenti, e succede molto spesso, è un altro discorso, cerco di fare quello che posso con mia figlia in braccio e cercando di non sentirmi troppo frustrata. Ho tempo fino alle 16, perchè poi il mio Fede esce dall’asilo e il mio tempo è tutto per i bambini, quindi se voglio combinare qualcosa devo essere per forza organizzata!
E voi siete delle rimandatarie o siete sempre efficienti e organizzate? Se avete consigli sarò felice di leggerli!
A presto, Vale