Buongiorno! Oggi voglio iniziare la settimana e anche l’arrivo di Maggio, mese che mi piace tanto, con un post dedicato alla ricerca della felicita’. Essere felici e’ un diritto di tutti noi e’ vero, ma a noi spetta il dovere di impegnarci per esserlo il piu’ possibile, non credete?
Oggi vi racconto qualcosa di me e mi piacerebbe che la mia storia fosse di ispirazione per chi ha bisogno di trovare la propria strada verso una vita piu’ serena. A volte la felicita’ e’ li’ ad un passo da noi, ma facciamo fatica a vederla perche’ ci riempiamo la testa di pensieri negativi inutili e dannosi.
Probabilmente se siete pessimisti per natura o se le circostanze della vita vi hanno portati ad esserlo, questo titolo vi ha appena fatto venire il nervoso. Ma io sono davvero convinta che l’ottimismo si possa imparare e possa diventare uno stile di vita; bisogna volerlo davvero e bisogna impegnarsi, ma si puo’, ve lo assicuro. Ne sono cosi’ certa perche’ parlo per esperienza.
Una volta non ero granche’ ottimista, anzi… Ogni mattina subito dopo aver aperto gli occhi pensavo a tutto quello che sarebbe potuto andare storto e ovviamente la mia giornata era una catastrofe ancora prima di iniziare. Di certo lo era nella mia testa, che poi non fa tanta differenza con la realtà e vi spiegherò perché. L’umore seguiva a ruota. Senza rendermene conto mi lamentavo di tutto quello che non andava ed ero talmente abituata a prestare attenzione solo agli aspetti negativi che mi perdevo gran parte delle cose meravigliose da cui ero (e sono tuttora!) circondata. Facevo la mia vita e ne ero anche soddisfatta, cercavo di ignorare il mio malessere, e comunque pensarla in un certo modo era cosi’ normale per me che non ci facevo neanche caso. Ma un giorno mi sono resa conto che era ora di fare qualcosa per stare bene, ma bene per davvero e non solo in apparenza.
foto iphone fimo 1 maggio 16 037
E’ stato tutto un po’ casuale, perche’ quando andai dalla mia amica terapeuta lo feci per risolvere alcuni problemi di salute che avevo al tempo. Non erano problemi gravi ma mi condizionavano la vita e intuivo che sotto sotto ci fosse anche una componente psicosomatica… Non e’ mai facile accettare di essere la causa dei nostri mali! Comunque, per farla breve, sono quindi tornata dalla persona che gia’ altre volte mi aveva aiutata a risolvere dei problemi e ho accettato di affrontare un percorso piu’ complesso. Avere un’amica terapeuta e’ una gran fortuna, ma l’ho odiata per tutte le lacrime che mi ha fatto versare e per quello che mi ha fatto tirare fuori dagli angoli piu’ nascosti del mio cuore e della mia mente. Non e’ stato facile, per niente, ma la ringrazio ogni giorno per avermi aperto un mondo nuovo.
Questa che vi ho accennato e’ la mia esperienza e dovete appunto considerarla come tale, non serve una terapia per imparare ad essere ottimisti! Il fatto di aver cambiato modo di affrontare le cose e’ stato una conseguenza, la piu’ bella sicuramente, ma non ero andata li’ per quello.
Voglio condividere con voi quello che ho imparato ormai piu’ di 10 anni fa nella speranza di aiutare chi ne ha bisogno ad affrontare la vita col sorriso.
Per prima cosa ci siamo ovviamente noi, con il nostro carattere, le nostre esperienze, le nostre convinzioni, l’educazione che abbiamo ricevuto e certamente le circostanze in cui viviamo. Per questo non c’e’ una ricetta valida per tutti… magari ci fosse una formula magica che mette a posto tutto! Come per tutte le cose i risultati sono pari all’impegno, ma quando si tratta di noi e del nostro benessere impegnarsi dovrebbe essere un pochino piu’ semplice. Non e’ facile ma vale la pena provare!
I nostri pensieri stanno alla base di tutto e dobbiamo imparare che attiriamo nella nostra vita ciò che pensiamo. È un dato di fatto. Provate a pensarci: quante volte avete pensato che qualcosa sarebbe andato storto e così è stato? Non vi è mai capitato che durante un’interrogazione vi facessero proprio quella domanda a cui pensavate incessantemente perche’ speravate non vi facessero? O non vi succede di pensare ad una persona e di incontrarla dopo poco o di ricevere una sua telefonata? Walt Disney diceva ‘if you can dream it you can do it’ (se puoi sognarlo puoi farlo) e aveva perfettamente ragione. Una volta che un pensiero è costantemente nella nostra testa è solo questione di tempo perché si materializzi, e questo vale sia per i pensieri positivi che per quelli negativi, indifferentemente. Se pensiamo che non potrà che succedere il peggio allora state certe che sarà così!
Non è magia, non è sfortuna, è soltanto il modo in cui le cose funzionano naturalmente.
foto iphone fimo 1 maggio 16 034
Pensare positivo è faticoso a volte…ma ripaga sempre. Non significa che dobbiamo aspettarci sempre il meglio, ma accettare tutto ciò che viene pensando che sia la cosa migliore in quel preciso momento. L’esperienza mi ha dimostrato parecchie volte che ogni cosa accade per un motivo e al momento giusto. Anche gli avvenimenti più dolorosi, accadono per un motivo e molte volte sono l’inizio di una serie di eventi piacevoli che mai avremmo immaginato. Una volta compresa l’importanza e il potere dei nostri pensieri, faremo molta piu’ attenzione a non averne di negativi!
Ragazze non vivo su una mia personale nuvoletta rosa felice e beata, sarebbe un’illusione poterlo fare… Ma ogni mattina ‘mi faccio il lavaggio del cervello’ e mi concentro sugli aspetti positivi della mia vita. A volte faccio piu’ fatica, certi giorni ho la tentazione di crogiolarmi nei miei crucci e tenere il muso, ma non lo faccio mai. E credemi, di aspetti positivi su cui concentrarsi ce ne sono…ce ne sono nella vita di ognuno di noi, solo che ci dimentichiamo di farci caso perche’ non siamo abituati a farlo, purtroppo. Durante il giorno, siccome sono lunatica e ho pure la tendenza a buttarmi giù (un mix disastroso!), faccio sempre attenzione al corso dei miei pensieri e quando mi accorgo che stanno prendendo una brutta direzione penso subito a qualcosa di positivo. Ci vuole un attimo e tutto cambia. Ho una lista mentale di buoni pensieri a cui attingo quando ne ho bisogno e ormai per me è una cosa automatica, ma col tempo lo diventerà anche per voi.
Non possiamo controllare tutto quello che ci succede ovviamente, ma possiamo sempre decidere che atteggiamento avere nei confronti degli eventi. Ugualmente non abbiamo nessun potere sul comportamento degli altri, ma possiamo decidere come reagire.
Io per esempio odio gli imprevisti…ma molte volte è stato grazie ad un imprevisto che certe situazioni hanno preso una piega migliore. Quindi quando ci succede qualcosa che non ci piace fermiamoci un secondo e decidiamo se farne una tragedia o prenderla con filosofia! Una volta persi un treno e il successivo era dopo tre ore. Ero lontana da casa e non vedevo l’ora di tornare, quindi ero davvero frustrata, per usare una parola educata… ma il contrattempo ha preso tutta un’altra piega quando ho deciso di impiegare quelle tre ore per visitare un posto dove non avevo mai avuto tempo di andare e dove desideravo andare da tanto. Potrei farvi decine di esempi come questo, solo per dimostrarvi che la soluzione di tutto sta nel nostro atteggiamento e nella forza che sappiamo tirare fuori.
Ora mi sveglio ogni mattina con un sorriso e la curiosità di scoprire cosa mi porterà il nuovo giorno. A volte anche la giornata più banale riserva delle belle sorprese! Non e’ sempre facile, certe volte quando apro gli occhi non vorrei fare altro che girarmi dall’altra parte e non affrontare la giornata… ma cerco di pensare subito a qualcosa di bello, prima che la mia testa inizi a lavorare da sola rovinandomi l’umore.
E ricordate sempre che l’ottimismo attira la felicità e che pensare positivo e comportarsi di conseguenza non potrà che portarci qualcosa di buono, che siano persone, fatti o situazioni.
foto iphone fimo 1 maggio 16 036
C’e’ una frase famosa che tradotta dall’inglese dice piu’ o meno cosi’: ‘la vita non e’ aspettare che la tempesta passi, ma imparare a ballare sotto la pioggia’. Ecco, quando mi ritrovo a piangermi addosso – e sono una specialista in questo!- perche’ magari le cose non vanno come vorrei, mi ripeto queste parole e rifletto su quanto siano vere.
L’ottimismo e’ un atteggiamento, un modo di vedere le cose e di gestire i propri pensieri, per questo dico che si puo’ imparare…
E voi vi sentite piu’ ottimisti o pessimisti?
Vi abbraccio!
Vale
[ I libri che vedete in foto sono ‘Cose non noiose per essere super felici’ e ‘La tua idea spacca’, entrambi di Mr Wonderful ed. Salani. Buonumore e motivazione in formato tascabile e soprattutto bello da vedere!]