diario della gratitudine

Oggi vi parlo di un tema che mi sta molto a cuore, che abbraccia tanti temi ma che si può riassumere con le parole ‘crescita personale’.

Questo è il modo più comune con cui ci si riferisce di solito a

tutte quelle discipline, tecniche, abitudini, modi di agire e pensare che portano appunto ad un miglioramento delle proprie condizioni sotto ogni aspetto e che hanno come fine lo stare bene ed essere soddisfatti di se stessi e dei propri successi.

Ma a me questa denominazione non piace molto… Preferisco usare ‘pensiero positivo’, oppure ‘ricerca della felicità’. Potrei parlare ore di questo argomento e mi rendo conto che mentre scrivo ci sono mille idee che mi si accavallano, vorrei dire così tante cose e spiegarne altrettante che perdo il filo del discorso!

Comunque, oggi vi voglio spiegare come tenere un diario della gratitudine possa cambiare molti aspetti della vostra vita e soprattutto del vostro modo di pensare.

Il diario della gratitudine è lo strumento più semplice ed efficace che abbiamo a disposizione per tenere traccia dei nostri successi mantenendo un atteggiamento positivo.

Grazie è la parola più potente del mondo

soprattutto se accompagnata da un sorriso. Un semplice grazie può cambiare la giornata, non solo a chi lo riceve. Ringraziare per ciò che si ha è la stessa cosa.

Focalizzare la propria attenzione ogni giorno su ciò per cui si è grati obbliga a concentrarsi sulle piccole cose che troppo spesso si danno per scontate. Dovete provare per capire!

Tenere un diario della gratitudine è molto semplice: ogni sera annotate le 5 cose che vi sono capitate durante il giorno per cui siete grati. Io ne ho sempre scelte 5, ma 3 vanno ugualmente bene! L’importante è che la gratitudine sia sincera e che non si scrivano cose a caso giusto per dire di aver fatto bene i compiti.

Io lo faccio da anni, a volte anche solo mentalmente, ma scrivere è tutta un’altra cosa.

Vi assicuro che è una cosa che nella sua semplicità porta vantaggi enormi!

Focalizzarsi sugli aspetti positivi della giornata appena trascorsa riesce a metterci nello stato d’animo migliore per ricevere altrettante cose positive e dà una certa fiducia nel futuro, ma anche e soprattutto la consapevolezza del valore del presente.

A volte, troppe volte, non ci rendiamo conto di avere già molte delle cose che desideriamo per essere felici!

Capita che sia difficile trovare qualcosa da scrivere, è ovvio… Certe sere è quasi impossibile. Ma un tetto sulla testa, una passione che ci fa sorridere, qualcuno che ci vuole bene, i piccoli piaceri quotidiani e mille altre cose semplici e scontate, beh quelle ci sono sempre, anche nelle giornate peggiori!

Il 5 Minute Journal non è altro che un diario della gratitudine, ma studiato in maniera scientifica in modo che sia ancora più efficace perchè è strutturato in modo da obbligarci a riflettere.

Va compilato al mattino appena svegli e alla sera subito prima di dormire. Perchè? Perchè va fatto a mente sgombra, prima che la giornata inizi e ci influenzi l’umore e alla sera come ultimo gesto per riposare sereni. In particolare alla sera sarà come mandare dei messaggi positivi al nostro subconscio e il giorno dopo si riparte più carichi e (pro)positivi.

Ogni pagina del Journal è divisa in mattina e sera.

Al mattino si scrivono:

– le 3 cose per cui si è grati, con sincerità; non si tratta solo di scrivere, ma di sentire la gratitudine per qualcuno o qualcosa. Le emozioni non mentono mai

– le 3 cose che renderanno bella la giornata. È la voce più importante della lista perchè allena la mente a trovare il modo per stare bene ogni giorno

– una affermazione che descrive quello che vogliamo essere. Ripetere la stessa frase tutti i giorni aiuta la nostra mente ad assimilare questa affermazione e a iniziare il cambiamento necessario per arrivare dove si desidera. Qui è il caso di essere molto specifici e di descrivere bene ogni desiderio!

Alla sera invece si annotano

– le 3 cose speciali che sono successe durante il giorno, cosa che fa sentire immediatamente più felici, soddisfatti e consapevoli del valore di ciò che si ha

– in che modo la giornata avrebbe potuto essere migliore. Può essere qualsiasi cosa: una parola detta o non detta, una occasione lasciata andare, aver mangiato male, fatto poco movimento, aver dormito troppo, non aver portato a termine un impegno o non aver telefonato a qualcuno… Tutto quello che suona stonato. È come poter tornare indietro nel tempo e correggere gli eventi. È un esercizio di immaginazione che fa sorridere mentre lo si mette in pratica, da provare!

Ogni giorno è accompagnato da una frase motivazionale e ogni settimana c’è una sfida da portare a termine per affrontare le paure più comuni e uscire dalla comfort zone. E bisogna portare a termine la sfida!

Tutto qui, semplice ma davvero efficace.

Ho iniziato il mio 5 Minute Journal lunedì, la settimana non è ancora finita, ma credetemi se vi dico che mi sono stupita io stessa della quantità di opportunità, sorprese ed eventi positivi che mi sono capitati. E mi sono sentita più motivata e disciplinata del solito. Non è un caso, ma il risultato di un diverso modo di iniziare e finire le giornate.

Inoltre, ogni volta che mi sono sentita giù di morale, ripensare a quello che avevo scritto al mattino mi ha fatto trovare la motivazione per sorridere.

Ecco, la parola giusta è disciplina: è quello che serve per prendere questa buona abitudine che può fare molto per la nostra felicità.

Fatemi sapere se deciderete di iniziare anche voi!

Il 5 Minute Journal è in inglese, ma non sarà difficile usarlo. Io l’ho comprato su Amazon, ma qui trovate lo shop ufficiale.

Aspetto di sapere cosa ne pensate!

cropped-logo208beauty-in-everyday.jpg

Da anni ho una buona abitudine: ogni mattina esprimo un piccolo desiderio per la giornata che sta per iniziare e ogni sera ringrazio per le 5 cose belle che mi sono capitate durante il giorno. È il mio piccolo rituale e mi fa stare bene. Finora non avevo mai pensato applicare questa buona abitudine a […]

Continue Reading

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: